S'è conclusa con successo la 58° edizione dell'Europa Rally

Al Čikat s'è appena conclusa la 58° edizione dell'Europa Rally, tenutosi dal 6 al 10 giugno 2019. Al raduno hanno preso parte circa 300 camperisti provenienti da 15 Paesi europei (Germania, Svizzera, Svezia, Italia, Polonia, Slovacchia, Finlandia, Francia, Lussemburgo, Gran Bretagna, Estonia, Olanda, Ungheria, Slovenia e Croazia). Per l'occasione è stato predisposto un ricco e divertente programma di attività diurne e serali, preparato appositamente per intrattenere e divertire i partecipanti all'evento. 
L'Europa Rally è un evento che si tiene dal 1961 ogni anno in un Paese diverso durante il ponte festivo della Pentecoste. Viene organizzato dal Comitato dell'Europa Rally e dall'associazione campeggiatori del Paese ospitante. Va da sé che l'edizione di quest'anno sia stata organizzata dalla Federazione croata camping coadiuvata dall'Ufficio turistico della città di Lussinpiccolo e dall'Ufficio turistico del Quarnaro (Kvarner). Per chi non lo sapesse, il Comitato dell'Europa Rally è un'associazione che raggruppa le strutture campeggistiche e i campeggiatori di tutt'Europa affiliati anche alla Federazione internazionale camping e caravanning (F.I.C.C.). 

L'evento centrale che ha segnato l'apertura della 58° edizione dell'Europa Rally è stato il corteo di tutti i partecipanti per le vie del centro di Lussinpiccolo. A corteo ultimato, hanno preso la parola Dalibor Cvitković, direttore dell'Ufficio turistico della città di Lussinpiccolo, Dejan Jakovljević, amministratore delegato della Jadranka kampova d.o.o. (S.r.l.), Branko Marolt, presidente della Federazione croata camping, e Kees Splint, presidente del Comitato dell'Europa Rally. Terminati i saluti di rito, sulle note dell’Inno alla gioia è stata issata la bandiera dell’Europa rally ed è stata accesa la fiaccola che simboleggia l’apertura del raduno dei campeggiatori europei.  

Il raduno è durato quattro giorni, tutti densi di attività. Tra tutte, ricordiamo la gita in barca alle isole di Sansego (Susak) e Asinello (Ilovik), la visita guidata alla cittadina di Lussinpiccolo, al Museo dell’Apoxyómenos (il c.d. Atleta di Lussino) ed al logger lussignano (barca con armo al terzo) chiamato Nerezinac, oltre alla gita in pullman con visita alla vicina isola di Cherso (Cres) e alle località di Ossero (Osor), Cherso (Cres) e Valun. Tra le attività organizzate a beneficio dei partecipanti al raduno, spicca la messa a dimora degli alberelli di pino nell'ambito del pluripremiato progetto “Campeggio sicuro nell’area del bosco di Čikat”.

Dopo le mille attività della giornata, ci si è potuti ristorare e rilassare partecipando alla cena di gala servita per tutti i partecipanti e assistendo al divertente programma organizzato presso il Parco acquatico Čikat. Per concludere in bellezza le attività giornaliere dell’Europa rally, i partecipanti hanno potuto assistere ogni sera ad uno spettacolo del gruppo folk locale. 
Tanti dei partecipanti al raduno hanno deciso di anticipare l’arrivo al Čikat, altrettanti di posticipare di qualche giorno la partenza approfittando delle ideali condizioni del tempo, della meravigliosa natura isolana e dell’ottima organizzazione della Jadranka kampova d.o.o. e del cortesissimo personale addetto al campeggio Čikat. 

Non ci resta che sperare che quest’evento che si è appena concluso, visto il successo riscontrato, sia di buon auspicio alla stagione turistica 2019 che è alle porte e al prossimo evento che saremo chiamati ad organizzare: la 20° edizione dell’Adria Rally che si terrà al Čikat dal 22 al 29 giugno prossimi.